ADIPON
Adiponectina

L’Adiponectina (denominata anche come GBP-28, apM1, AdipoQ, Acrp30 e Liponectine[1]) è un ormone proteico coinvolto nella regolazione dei livelli di glucosio e nella scomposizione degli acidi grassi. Nell’uomo è codificato dal gene ADIPOQ ed è prodotto nel tessuto adiposo. [2]

Nel 1995, l’Adiponectina è stata inizialmente osservata esercitare una azione di differenziazione degli adipociti 3T3-L1 (Scherer PE et al.).[3] Essa venne infatti scoperta nel 1995 da quattro diversi gruppi di ricerca che lavoravano indipendentemente l’uno dall’altro.[4] Nel 1996 è stato osservato che nei topi l’Adiponectina è la trascrizione dell’mRNA più espressa negli adipociti.[2] Nel 2007, l’Adiponectina è stata osservata essere una trascrizione altamente espressa nei preadipociti [5] (precursori delle cellule adipose) che si differenziano in adipociti.[5][6]

L’omologo umano è stato identificato come la trascrizione più abbondante nel tessuto adiposo. Contrariamente alle aspettative, nonostante venga sintetizzata nel tessuto adiposo, l’Adiponectina risultata essere sottoregolata nei soggetti obesi.[7][8][9] Questa sottoregolazione non è stata completamente spiegata. Il gene è stato localizzato nel cromosoma 3q27, una regione evidenziata per avere una certa influenza nella suscettibilità genetica al diabete di tipo 2 e all’obesità. Il trattamento con diverse forme di Adiponectina è stato in grado di migliorare il controllo dell’Insulina, della glicemia e dei livelli di Trigliceridi nei modelli murini.

epadha

Il gene è stato studiato per le variabili che predispongono al diabete di tipo 2.[9][5][10][11][12][13]Diversi polimorfismi a singolo nucleotide nella regione codificante e nella sequenza circostante sono stati identificati in diverse popolazioni, con prevalenze, gradi di associazione e forza di effetto variabili sul diabete di tipo 2. La Berberina, un alcaloide isochinolina, ha dimostrato di aumentare l’espressione del Adiponectina [14], il che spiega, in parte, i suoi effetti benefici sui disturbi metabolici. Topi nutriti con gli acidi grassi Omega-3 Acido Eicosapentaenoico (EPA) e Acido Docosaesaenoico (DHA) hanno mostrato un aumento dell’Adiponectina plasmatica.[15] Anche la Curcumina, la Capsaicina, il Gingerolo e le Catechine hanno mostrato di poter aumentare l’espressione dell’Adiponectina.[16]

La distribuzione filogenetica include l’espressione negli uccelli [17] e nei pesci.[18]

L’Adiponectina è un polipeptide (proteina) composto da una catena di 247 aminoacidi. Esistono quattro regioni distinte nella struttura molecolare della Adiponectina. La prima regione è formata da una breve sequenza di segnali che interessa l’ormone nella secrezione all’esterno della cellula; la seconda regione varia tra le specie; la terza è una regione composta di 65 aminoacidi con somiglianza con le proteine del Collagene; l’ultima è un dominio globale. Nel complesso questa proteina mostra una somiglianza con i fattori del complemento 1Q (C1Q). Tuttavia, quando è stata determinata la struttura tridimensionale della regione globulare, è stata osservata una sorprendente somiglianza con il TNFα (Fattore di Necrosi Tumorale α), nonostante sequenze proteiche non correlate.[19]

adiponectinregion.jpg

Regulatory-pathways-of-adiponectin-in-adipose-tissue-inflammation-M2-type_png

Come già accennato, l’Adiponectina è un ormone proteico che modula una serie di processi metabolici, tra i quali la regolazione del glucosio e l’ossidazione degli acidi grassi.[7] L’Adiponectina viene secreta dal tessuto adiposo (e anche dalla placenta in gravidanza [20]) nel flusso ematico ed è molto abbondante nel plasma rispetto a molti altri ormoni. Molti studi hanno scoperto che l’Adiponectina è inversamente correlata all’indice di massa corporea nelle popolazioni di pazienti.[8] Tuttavia, una meta analisi non è stata in grado di confermare questa associazione negli adulti sani.[21] Le concentrazioni circolanti di Adiponectina aumentano durante la restrizione calorica negli animali e nell’uomo, come nei pazienti con anoressia nervosa. Questa osservazione è senza dubbio sorprendente, dato che l’Adiponectina è sintetizzata nel tessuto adiposo. Tuttavia, un recente studio suggerisce che il tessuto adiposo nel midollo osseo, che aumenta durante la restrizione calorica, contribuisce alle elevate concentrazioni ematiche di Adiponectina in tale contesto.[22]

Mitochondrion
Mitocondrio

Topi transgenici con elevati livelli di Adiponectina mostrano una ridotta differenziazione degli adipociti e un aumento del dispendio energetico associato al disaccoppiamento mitocondriale.[23] L’ormone in questione svolge un ruolo nella soppressione delle alterazioni metaboliche correlate al diabete di tipo 2, [8] obesità, aterosclerosi, [7] epatopatia adiposa non alcolica (NAFLD) e un fattore di rischio indipendente per la sindrome metabolica.[24] L’Adiponectina in associazione con la Leptina ha dimostrato di invertire completamente lo stato di insulino-resistenza nei topi.[25]

L’Adiponectina viene secreta nel flusso sanguigno dove rappresenta circa lo 0,01% di tutte le proteine plasmatiche ad un dosaggio di circa 5-10μg/mL (mg/L). Negli adulti, le concentrazioni plasmatiche sono più elevate nelle femmine rispetto ai maschi e sono ridotte nei diabetici rispetto ai non diabetici. La riduzione del peso ne aumenta significativamente le concentrazioni circolanti.[26]

L’Adiponectina si auto-associa automaticamente in strutture più grandi. Inizialmente, tre molecole di Adiponectina si legano insieme per formare un omotrimero. I trimeri continuano ad auto-associarsi e formano esameri o dodecameri. Come la concentrazione plasmatica, i livelli relativi delle strutture di ordine superiore sono sessualmente dimorfici, dove le femmine hanno livelli maggiori delle forme ad alto peso molecolare. Studi recenti hanno dimostrato che la forma ad alto peso molecolare può essere quella biologicamente più attiva per quanto riguarda l’omeostasi del glucosio.[27] L’Adiponectina ad alto peso molecolare è stata inoltre osservata associarsi ad un minor rischio di diabete con un’entità di associazione simile all’Adiponectina totale.[28] Tuttavia, si è scoperto che la malattia coronarica è associata positivamente con l’Adiponectina ad alto peso molecolare, ma non con l’Adiponectina a basso peso molecolare.[29]

PDB_1ax8_EBI
Leptina

L’Adiponectina esercita alcuni dei suoi effetti di riduzione del peso attraverso il cervello. Questa azione è simile a quella esercitata dalla Leptina[9]; l’Adiponectina e la Leptina possono agire sinergicamente.

L’Adiponectina non si lega ad un solo recettore. Finora, sono stati identificati due recettori con l’omologia dei recettori accoppiati a proteine G (GPCRs) e un recettore simile alla famiglia delle Caderine [30][31]:

  • Recettore 1 dell’adiponectina (AdipoR1)
  • Recettore 2 dell’adiponectina (AdipoR2)
  • T-caderina – CDH13

Signalling-transduction-via-adiponectin-receptors-AdipoR1-and-AdipoR2-activation-The_png.jpg

Questi recettori hanno specificità tissutali distinte all’interno del corpo e hanno affinità diverse con le varie forme di Adiponectina. I recettori influenzano a valle l’AMP chinasi, un importante punto di controllo del tasso metabolico cellulare. L’espressione dei recettori è correlata ai livelli di Insulina, cosa osservata nei modelli murini diabetici, in particolare nel muscolo scheletrico e nel tessuto adiposo.[32][33] Nel 2016 l’Università di Tokyo annunciò l’avvio di un’indagine, spinta dalle richieste fatte in modo anonimo, sulla presunta falsificazione dei dati rilasciati sull’identificazione dei recettori AdipoR1 e AdipoR2.[34]

Sia AdipoR1 che AdipoR2 sono orientati in modo opposto ai GPCR nella membrana (cioè N-terminale citoplasmatico, C-terminale extracellulare) e non si legano alle proteine G di memnrana.[35] I recettori dell’Adiponectina, AdipoR1 e AdipoR2, fungono da recettori per l’Adiponectina globulare e integrale e mediano un aumento delle attività dei ligandi AMPK e PPAR-α, nonché l’ossidazione degli acidi grassi e l’assorbimento del glucosio per attività dell’Adiponectina.[35][36]

Gli effetti legati all’attività della Adiponectina sono:

  1. Regolazione del flusso del glucosio ematico
  • riduzione della gluconeogenesi
  • Aumento dell’assorbimento cellulare di glucosio [7][9][11]

2. Catabolismo lipidico

  • β-ossidazione [9]
  • Liberazione dei trigliceridi [9]

3. Protezione dalla disfunzione endoteliale (aspetto importante della formazione aterosclerotica)

4. Miglioramento della Sensibilità all’Insulina

5. Perdita di peso

6. Controllo del metabolismo energetico [11]

7. Sovraregolazione delle proteine disaccoppianti (UCP) [23]

8. Riduzione del TNF-α.

Regolazione dell’Adiponectina:

  • L’obesità è associata alla riduzione dell’Adiponectina.
  • L’esatto meccanismo di regolazione non è noto, ma l’Adiponectina potrebbe essere regolata da meccanismi post-trasduzionali nelle cellule.[37]

Bassi livelli di Adiponectina sono associati all’ADHD negli adulti.[38]

È stato scoperto che i livelli di Adiponectina sono aumentati nei pazienti con artrite reumatoide che rispondono alla terapia con DMARD o inibitori del TNF. [39]

Il rilascio di Adiponectina indotto dall’esercizio fisico ha aumentato la crescita dell’ippocampo e ha portato a risposte antidepressive nei topi.[40]

Un basso livello di Adiponectina è un fattore di rischio indipendente per lo sviluppo di:

  • Sindrome metabolica [24]
  • Diabete mellito di tipo II [9] [5] [10] [12] [13]

I livelli circolanti di Adiponectina possono essere indirettamente aumentati attraverso modifiche dello stile di vita e alcuni farmaci come le Statine.[41]

Esistono dei composti sintetici che interagiscono con i recettori dell’Adiponectina come l’AdipoRon,  un agonista selettivo, attivo per via orale, del recettore 1 (AdipoR1) e del recettore 2 dell’Adiponectina (AdipoR2) (Kd = 1,8 μM e 3,1 μM, rispettivamente).[42] L’Università di Tokyo che nel 2016 annunciò l’avvio dell’indagine, spinta dalle richieste fatte in modo anonimo, sulla presunta falsificazione dei dati rilasciati sull’identificazione dei recettori AdipoR1 e AdipoR2, si è occupata anche di questo agonista selettivo dei recettori per l’Adiponectina.[34]

È stato riportato che estratti di patate dolci aumentano i livelli di Adiponectina portando, quindi, ad un miglioramento del controllo glicemico nell’uomo.[43] Tuttavia, una review sistematica ha concluso che non vi sono prove sufficienti a supporto del consumo di patate dolci per il trattamento del diabete mellito di tipo 2.[44]

L’Adiponectina è apparentemente in grado di attraversare la barriera emato-encefalica [45] sebbene esistano dati contrastanti a riguardo.[46] L’Adiponectina ha un’emivita di 2,5 ore nell’uomo.[47]

adiporon
AdipoRon

Ho accennato pocanzi al AdipoRon, agonista sintetico dei recettori per l’Adiponectina AdipoR1 e AdipoR2.[42] Analogamente all’Adiponectina, questa molecola attiva la segnalazione del AMPK e del PPARα causando un miglioramento dell’insulino sensibilità, della dislipidemia e dell’intolleranza al glucosio nei topi db/db (un modello animale per il diabete di tipo II e l’obesità).[42][48] Inoltre, è stato scoperto che AdipoRon estende la durata della vita dei topi db/db alimentati con una dieta ricca di grassi, oltre a migliorarne la resistenza all’esercizio fisico. [42] [48] [49] La molecola è stata scoperta da ricercatori giapponesi nel 2013 attraverso la revisione della letteratura disponibile, ed è il primo agonista dei recettori per l’Adiponectina attivo per via orale ad essere stato identificato.[42][48]

Gli agonisti del recettore dell’Adiponectina come AdipoRon hanno attirato l’interesse come potenziali terapie per il trattamento dell’obesità, del diabete, delle malattie cardiovascolari, della malattia del fegato grasso non alcolico e una panoplia di altre condizioni.[42][48] Inoltre, è stato recentemente chiarito il ruolo di mediatore dell’adiponectina sugli effetti antidepressivi, ansiolitici e neurogenici indottidall’esercizio fisico. [50][51][52] E’ interessante notare che l’aumento dei livelli di Adiponectina dopo una seduta di esercizio fisico moderato perdura per per 24 a 72 ore. La disregolazione dell’espressione dell’Adiponectina è stata anche implicata nella patologia dei disturbi dell’umore, dei disturbi d’ansia, dei disturbi alimentari, dei disturbi neurodegenerativi e di vari altri disturbi neuropsichiatrici.[53] Inoltre, è stato determinato che l’esercizio fisico migliora la resistenza all’insulina attraverso l’attivazione del recettore AdipoR1.[54] Come tale, gli agonisti del recettore dell’Adiponectina sono un target terapeutico molto interessante per il trattamento di una varietà di condizioni diverse.[42][48][52][53] Inoltre, è stato suggerito che potrebbero essere potenzialmente utilizzati come sostituti dell’esercizio fisico per ottenere benefici simili sulla salute fisica e mentale.[42][48][52][55] Questa opzione è da prendere in considerazione solo e soltanto in quei soggetti impossibilitati a svolgere attività fisica “significativa”.

A causa delle limitazioni nella produzione di Adiponectina biologicamente attiva, gli agonisti degli AdipoRs adiponectino-mimetici sono stati suggeriti come possibili alternative per espandere l’opportunità di sviluppare agenti anti-diabetici. Basandosi sulla struttura cristallina del AdipoR1, i ricercatori hanno progettato gli agonisti dei peptidi del AdipoR1 usando la simulazione del docking proteico-peptidico analizzando le loro capacità di legame per i recettori e le funzioni biologiche attraverso la risonanza plasmonica di superficie (SPR) e l’analisi biologica. Sono stati selezionati e confermati tre peptidi candidati, BHD1028, BHD43 e BHD44 per attivare le vie del segnale mediate da AdipoR1. Al fine di migliorare la stabilità e la solubilità degli agonisti peptidici, i peptidi candidati sono stati PEGilati. Il BHD1028 PEGilato ha mostrato la sua attività biologica alla concentrazione nano-molare e potrebbe essere un potenziale agente terapeutico per il trattamento del diabete. Inoltre, l’SPR e tecniche di screening virtuale possono essere potenzialmente applicate ad altri processi di screening di farmaci peptidici per le proteine ​​del recettore di membrana.[56]

250px-Arctiin_svg.png
Arctiina

 

Altre forme di agonisti dei recettori per l’Adiponectina sono i peptidi ADP-355 e ADP-399 [57], i non-peptidi (–)-Arctigenina, Arctiina, Gramina,  Matairesinol, Deoxyschizandrina, Parthenolide,
Syringing e Taxifoliol.[58] L’ADP-400 è invece un peptide antagonista del recettore per l’Adiponectina. [58]

Date le potenzialità legate all’Adiponectina, l’uso e la diffusione degli agonisti sintetici dei suoi recettori nella sottocultura del BodyBuilding, in particolare, e del Fitness, in generale, non sarà di certo un evento improbabile nel prossimo futuro. In attesa di questo evento, diversi divulgatori d’oltre oceano, più o meno autorevoli, hanno incominciato a cercare soluzioni OTC per incrementare la sintesi endogena di Adipnectina.

Una nota interessante riguarda il fatto che in Bodybuilder agonisti, sottoposti a forte restrizione calorica e marcata perdita di peso/grasso nel periodo pre-contest, è stato osservato un incremento della Grelina e una diminuzione della Leptina senza alterazioni dei livelli di Adiponectina.

CLA

Come già detto all’inizio di questo articolo, i ricercatori hanno scoperto che l’assunzione di grassi monoinsaturi presenti nell’olio di pesce (vedi in particolare EPA e DHA), causa un aumento dei livelli di Adiponectina dal 14 al 60%. Anche l’olio di Cartamo ha dimostrato di aumentare la sintesi di Adiponectina. .[15] Per tale ragione alcuni dei prima citati divulgatori consiglia di assumere 4g/die di CLA derivato dall’olio di Cartamo.

I ricercatori hanno scoperto che l’aggiunta di adeguate quantità di fibre alla dieta causa un aumento dei livelli di Adiponectina tra il 60 ed il 115%.[59] Un motivo in più, se mai ce ne fosse stato il bisogno, di consumare la quantità raccomandata di fibre pari a 30g al giorno.[60]

coffe.jpg

Il consumo regolare di caffè è stato correlato ad un aumento dei livelli di Adiponectina e ad una riduzione delle citochine pro-infiammatorie, che potrebbero aiutare ad aumentare la perdita di peso e ridurre i livelli di infiammazione.[61]

curcumina
Curcumina

 

Si è ipotizzato, con ben poche evidenze, che la Curcumina aumenti la sintesi di Adiponectina. La funzione verrebbe esercitata tramite la riduzione della sintesi di sostanza pro-infiammatorie nell’adipocita con un conseguente aumento della sintesi di Adiponectina.[62]

resve
Resveratrolo

Uno studio del 2011, condotto da ricercatori dell’Università del Texas Health Science Center di San Antonio, pubblicato sul Journal of Biological Chemistry, ha riportato che il Resveratrolo stimola anche l’espressione dell’Adiponectina. [63]

 

Secondo uno studio del 2012, completato all’Università di Gerusalemme, una dieta sperimentale con carboidrati consumata principalmente a cena, piuttosto che durante il giorno, sembra avvantaggiare le persone che soffrono di obesità grave e morbosa. Questa dieta sembra influenzare i modelli di secrezione degli ormoni responsabili della fame e della sazietà, nonché gli ormoni associati alla sindrome metabolica, compreso un aumento della produzione di Adiponectina durante il giorno.[64]

zinc.jpg

In uno studio pubblicato sull’Iranian Journal of Diabetes and Obesity nel giugno 2012, è stato osservato un aumento significativo dei livelli di Adiponectina nei soggetti che avevano assunto 50mg di Zinco rispetto a al gruppo di controllo.[65] Un altro studio simile, nel quale soggetti diabetici di tipo II sono stati trattati con 30mg/die di Zinco, è stato osservato un aumento significativo della Adiponectina rispetto al basale ma non rispetto al gruppo di controllo (e il 53.3% presentava un insufficienza di Zinco al basale).[66]

Cyanidin%203-glucoside_png%20(287x238).png
Cianidina 3-glucoside

L’antocianina  C3G (cianadina 3-glucoside), se assunta in quantità sufficiente in forma di integratore, sembra migliorare la composizione corporea. Si è sempre pensato che questo effetto fosse causato dagli effetti positivi diretti C3G sulla sensibilità all’Insulina. Infatti, è noto da tempo che la C3G possa aumentare la lipolisi stimolando la sintesi di adipocitochine (proteine ​​di segnalazione cellulare) come l’Adiponectina, che regola appunto i livelli di glucosio e l’ossidazione degli acidi grassi. Recentemente sono emerse alcune ricerche secondo cui questo aumento di Adiponectina mediato dal C3G potrebbe anche contribuire alla crescita muscolare.[67]

61Z9NcoxICL__SX425_

L’Agaricus blazei Murrill è un fungo medicinale non facente parte della Medicina Tradizionale Cinese (MTC), ma che ha suscitato grande interessa per la sua peculiare capacità di regolare la risposta immunitaria, ha mostrato di poter  aumentare la concentrazione plasmatica di Adiponectina del 20%.[68] Favorendo un aumento di concentrazione di Adiponectina, l’AbM risulterebbe molto utile in caso di steatosi epatica non alcolica e insulino-resistenza. C’è da considerare però il fatto che, nello studio citato, l’estratto del AbM era somministrata in concomitanza con Metformina e Gliclazide.  

Placebo_Effect_Image

Non fatevi troppe illusioni però, è molto probabile che se vi metteste a provare una o più di queste ipotetiche metodiche per aumentare i livelli di Adiponetina, il risultato che ne ricavereste, nel migliore delle ipotesi, non sarebbe da attribuirsi ad altra cosa se non al effetto placebo. Ma, da ricercatore quale sono, non biasimerò di certo chi vorrà testare e cercare di comprendere, eliminando per quanto possibile le variabili in gioco, se l’effetto ottenuto (se se ne è ottenuto qualcuno) è attribuibile ad un incremento dell’Adiponectina… risultante comunque molto speculativa vista la mancanza per la stragrande maggioranza delle persone di un laboratorio ove sottoporsi a periodiche analisi al fine di quantificare i (se mai ci fossero) incrementi del peptide in questione.

Gabriel Bellizzi

Riferimenti:

  1. Impact of Ghrelin and Adiponectin on Metabolic and Cardiovascular Effects, AA.VV., articolo su International Journal of Caring Sciences September-December 2013 Vol 6 Issue 3 http://www.internationaljournalofcaringsciences.org 350, versione on-line su www.internationaljournalofcaringsciences.org
  2. Maeda K, Okubo K, Shimomura I, Funahashi T, Matsuzawa Y, Matsubara K (April 1996). “cDNA cloning and expression of a novel adipose specific collagen-like factor, apM1 (AdiPose Most abundant Gene transcript 1)”. Biochemical and Biophysical Research Communications. 221 (2): 286–9. doi:10.1006/bbrc.1996.0587
  3. Scherer PE, Williams S, Fogliano M, Baldini G, Lodish HF (November 1995). “A novel serum protein similar to C1q, produced exclusively in adipocytes”. The Journal of Biological Chemistry. 270 (45): 26746–9. doi:10.1074/jbc.270.45.26746
  4. Impact of Ghrelin and Adiponectin on Metabolic and Cardiovascular Effects, AA.VV., articolo su International Journal of Caring Sciences September-December 2013 Vol 6 Issue 3 http://www.internationaljournalofcaringsciences.org 350, versione on-line su www.internationaljournalofcaringsciences.org
  5. Lara-Castro C, Fu Y, Chung BH, Garvey WT (June 2007). “Adiponectin and the metabolic syndrome: mechanisms mediating risk for metabolic and cardiovascular disease”. Current Opinion in Lipidology. 18 (3): 263–70.
  6. Matsuzawa Y, Funahashi T, Kihara S, Shimomura I (January 2004). “Adiponectin and metabolic syndrome”. Arteriosclerosis, Thrombosis, and Vascular Biology. 24 (1): 29–33.
  7. Díez JJ, Iglesias P (March 2003). “The role of the novel adipocyte-derived hormone adiponectin in human disease”. European Journal of Endocrinology. 148 (3): 293–300.
  8. Ukkola O, Santaniemi M (November 2002). “Adiponectin: a link between excess adiposity and associated comorbidities?”. Journal of Molecular Medicine. 80 (11): 696–702.
  9. Nedvídková J, Smitka K, Kopský V, Hainer V (2005). “Adiponectin, an adipocyte-derived protein” (PDF). Physiological Research. 54 (2): 133–40.
  10. Hara K, Yamauchi T, Kadowaki T (April 2005). “Adiponectin: an adipokine linking adipocytes and type 2 diabetes in humans”. Current Diabetes Reports. 5 (2): 136–40.
  11. Vasseur F, Leprêtre F, Lacquemant C, Froguel P (April 2003). “The genetics of adiponectin”. Current Diabetes Reports. 3 (2): 151–8.
  12. Hug C, Lodish HF (April 2005). “The role of the adipocyte hormone adiponectin in cardiovascular disease”. Current Opinion in Pharmacology. 5 (2): 129–34.
  13. Vasseur F, Meyre D, Froguel P (November 2006). “Adiponectin, type 2 diabetes and the metabolic syndrome: lessons from human genetic studies”. Expert Reviews in Molecular Medicine. 8 (27): 1–12.
  14. Choi BH, Kim YH, Ahn IS, Ha JH, Byun JM, Do MS (2009). “The inhibition of inflammatory molecule expression on 3T3-L1 adipocytes by berberine is not mediated by leptin signaling”. Nutrition Research and Practice. 3 (2): 84–8.
  15. Grimshaw CE, Matthews DA, Varughese KI, Skinner M, Xuong NH, Bray T, Hoch J, Whiteley JM (August 1992). “Characterization and nucleotide binding properties of a mutant dihydropteridine reductase containing an aspartate 37-isoleucine replacement”. The Journal of Biological Chemistry. 267 (22): 15334–9.
  16. Nigro E, Scudiero O, Monaco ML, Palmieri A, Mazzarella G, Costagliola C, Bianco A, Daniele A (2014). “New insight into adiponectin role in obesity and obesity-related diseases”. BioMed Research International. 2014: 1–14.
  17. Yuan J, Liu W, Liu ZL, Li N (2006). “cDNA cloning, genomic structure, chromosomal mapping and expression analysis of ADIPOQ (adiponectin) in chicken”. Cytogenetic and Genome Research. 112 (1–2): 148–51.
  18. Nishio S, Gibert Y, Bernard L, Brunet F, Triqueneaux G, Laudet V (June 2008). “Adiponectin and adiponectin receptor genes are coexpressed during zebrafish embryogenesis and regulated by food deprivation”. Developmental Dynamics. 237 (6): 1682–90.
  19. Shapiro L, Scherer PE (March 1998). “The crystal structure of a complement-1q family protein suggests an evolutionary link to tumor necrosis factor”. Current Biology. 8 (6): 335–8.
  20. Chen J, Tan B, Karteris E, Zervou S, Digby J, Hillhouse EW, Vatish M, Randeva HS (June 2006). “Secretion of adiponectin by human placenta: differential modulation of adiponectin and its receptors by cytokines”. Diabetologia. 49 (6): 1292–302.
  21. Kuo SM, Halpern MM (December 2011). “Lack of association between body mass index and plasma adiponectin levels in healthy adults”. International Journal of Obesity. 35 (12): 1487–94.
  22. Cawthorn WP, Scheller EL, Learman BS, Parlee SD, Simon BR, Mori H, Ning X, Bree AJ, Schell B, Broome DT, Soliman SS, DelProposto JL, Lumeng CN, Mitra A, Pandit SV, Gallagher KA, Miller JD, Krishnan V, Hui SK, Bredella MA, Fazeli PK, Klibanski A, Horowitz MC, Rosen CJ, MacDougald OA (August 2014). “Bone marrow adipose tissue is an endocrine organ that contributes to increased circulating adiponectin during caloric restriction”. Cell Metabolism. 20 (2): 368–75.
  23. Bauche IB, El Mkadem SA, Pottier AM, Senou M, Many MC, Rezsohazy R, Penicaud L, Maeda N, Funahashi T, Brichard SM (April 2007). “Overexpression of adiponectin targeted to adipose tissue in transgenic mice: impaired adipocyte differentiation”. Endocrinology. 148 (4): 1539–49
  24. Renaldi O, Pramono B, Sinorita H, Purnomo LB, Asdie RH, Asdie AH (January 2009). “Hypoadiponectinemia: a risk factor for metabolic syndrome”. Acta Medica Indonesiana. 41 (1): 20–4.
  25. Yamauchi T, Kamon J, Waki H, Terauchi Y, Kubota N, Hara K, Mori Y, Ide T, Murakami K, Tsuboyama-Kasaoka N, Ezaki O, Akanuma Y, Gavrilova O, Vinson C, Reitman ML, Kagechika H, Shudo K, Yoda M, Nakano Y, Tobe K, Nagai R, Kimura S, Tomita M, Froguel P, Kadowaki T (August 2001). “The fat-derived hormone adiponectin reverses insulin resistance associated with both lipoatrophy and obesity”. Nature Medicine. 7 (8): 941–6.
  26. Coppola A, Marfella R, Coppola L, Tagliamonte E, Fontana D, Liguori E, Cirillo T, Cafiero M, Natale S, Astarita C (May 2009). “Effect of weight loss on coronary circulation and adiponectin levels in obese women”. International Journal of Cardiology. 134 (3): 414–6.
  27. Oh DK, Ciaraldi T, Henry RR (May 2007). “Adiponectin in health and disease”. Diabetes, Obesity & Metabolism. 9 (3): 282–9.
  28. Zhu N, Pankow JS, Ballantyne CM, Couper D, Hoogeveen RC, Pereira M, Duncan BB, Schmidt MI (November 2010). “High-molecular-weight adiponectin and the risk of type 2 diabetes in the ARIC study”. The Journal of Clinical Endocrinology and Metabolism. 95 (11): 5097–104.
  29. Rizza S, Gigli F, Galli A, Micchelini B, Lauro D, Lauro R, Federici M (April 2010). “Adiponectin isoforms in elderly patients with or without coronary artery disease”. Journal of the American Geriatrics Society. 58 (4): 702–6.
  30. Yamauchi T, Kamon J, Ito Y, Tsuchida A, Yokomizo T, Kita S, Sugiyama T, Miyagishi M, Hara K, Tsunoda M, Murakami K, Ohteki T, Uchida S, Takekawa S, Waki H, Tsuno NH, Shibata Y, Terauchi Y, Froguel P, Tobe K, Koyasu S, Taira K, Kitamura T, Shimizu T, Nagai R, Kadowaki T (June 2003). “Cloning of adiponectin receptors that mediate antidiabetic metabolic effects”. Nature. 423 (6941): 762–9.
  31. Hug C, Wang J, Ahmad NS, Bogan JS, Tsao TS, Lodish HF (July 2004). “T-cadherin is a receptor for hexameric and high-molecular-weight forms of Acrp30/adiponectin”. Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America. 101 (28): 10308–13.
  32. Fang X, Sweeney G (November 2006). “Mechanisms regulating energy metabolism by adiponectin in obesity and diabetes”. Biochemical Society Transactions. 34 (Pt 5): 798–801.
  33. Bonnard C, Durand A, Vidal H, Rieusset J (February 2008). “Changes in adiponectin, its receptors and AMPK activity in tissues of diet-induced diabetic mice”. Diabetes & Metabolism. 34 (1): 52–61.
  34. University of Tokyo to investigate data manipulation charges against six prominent research groups ScienceInsider, Dennis Normile, Sep 20, 2016
  35. Yamauchi T, Kamon J, Ito Y, Tsuchida A, Yokomizo T, Kita S, Sugiyama T, Miyagishi M, Hara K, Tsunoda M, Murakami K, Ohteki T, Uchida S, Takekawa S, Waki H, Tsuno NH, Shibata Y, Terauchi Y, Froguel P, Tobe K, Koyasu S, Taira K, Kitamura T, Shimizu T, Nagai R, Kadowaki T (June 2003). “Cloning of adiponectin receptors that mediate antidiabetic metabolic effects”. Nature. 423 (6941): 762–9.
  36. “Entrez Gene: ADIPOR1 adiponectin receptor 1”
  37. Liu M, Liu F (October 2012). “Up- and down-regulation of adiponectin expression and multimerization: mechanisms and therapeutic implication”. Biochimie. 94 (10): 2126–30.
  38. Mavroconstanti T, Halmøy A, Haavik J (April 2014). “Decreased serum levels of adiponectin in adult attention deficit hyperactivity disorder”. Psychiatry Research. 216 (1): 123–30.
  39. Kim KS, Choi HM, Ji HI, Song R, Yang HI, Lee SK, Yoo MC, Park YB (January 2014). “Serum adipokine levels in rheumatoid arthritis patients and their contributions to the resistance to treatment”. Molecular Medicine Reports. 9 (1): 255–60.
  40. Yau SY, Li A, Hoo RL, Ching YP, Christie BR, Lee TM, Xu A, So KF (November 2014). “Physical exercise-induced hippocampal neurogenesis and antidepressant effects are mediated by the adipocyte hormone adiponectin”. Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America. 111 (44): 15810–5.
  41. Lim S, Quon MJ, Koh KK (April 2014). “Modulation of adiponectin as a potential therapeutic strategy”. Atherosclerosis. 233 (2): 721–8.
  42. Okada-Iwabu M, Yamauchi T, Iwabu M, Honma T, Hamagami K, Matsuda K, Yamaguchi M, Tanabe H, Kimura-Someya T, Shirouzu M, Ogata H, Tokuyama K, Ueki K, Nagano T, Tanaka A, Yokoyama S, Kadowaki T (November 2013). “A small-molecule AdipoR agonist for type 2 diabetes and short life in obesity”. Nature. 503 (7477): 493–9.
  43. Ludvik B, Hanefeld M, Pacini G (July 2008). “Improved metabolic control by Ipomoea batatas (Caiapo) is associated with increased adiponectin and decreased fibrinogen levels in type 2 diabetic subjects”. Diabetes, Obesity & Metabolism. 10 (7): 586–92.
  44. Ooi CP, Loke SC (September 2013). “Sweet potato for type 2 diabetes mellitus”. The Cochrane Database of Systematic Reviews. 9 (9): CD009128.
  45. Yau SY, Li A, Hoo RL, Ching YP, Christie BR, Lee TM, Xu A, So KF (November 2014). “Physical exercise-induced hippocampal neurogenesis and antidepressant effects are mediated by the adipocyte hormone adiponectin”. Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America. 111 (44): 15810–5.
  46. Spranger J, Verma S, Göhring I, Bobbert T, Seifert J, Sindler AL, Pfeiffer A, Hileman SM, Tschöp M, Banks WA (January 2006). “Adiponectin does not cross the blood-brain barrier but modifies cytokine expression of brain endothelial cells”. Diabetes. 55 (1): 141–7.
  47. Hoffstedt J, Arvidsson E, Sjölin E, Wåhlén K, Arner P (March 2004). “Adipose tissue adiponectin production and adiponectin serum concentration in human obesity and insulin resistance”. The Journal of Clinical Endocrinology and Metabolism. 89 (3): 1391–6.
  48. Holland, W. L.; Scherer, P. E. (2013). “Ronning After the Adiponectin Receptors”. Science. 342 (6165): 1460–1461
  49. Okada-Iwabu M, Iwabu M, Ueki K, Yamauchi T, Kadowaki T (2015). “Perspective of Small-Molecule AdipoR Agonist for Type 2 Diabetes and Short Life in Obesity”. Diabetes Metab J. 39 (5): 363–72.
  50. Yau SY, Li A, Hoo RL, Ching YP, Christie BR, Lee TM, Xu A, So KF (2014). “Physical exercise-induced hippocampal neurogenesis and antidepressant effects are mediated by the adipocyte hormone adiponectin”. Proc. Natl. Acad. Sci. U.S.A. 111 (44): 15810–5.
  51. Nicolas S, Veyssière J, Gandin C, Zsürger N, Pietri M, Heurteaux C, Glaichenhaus N, Petit-Paitel A, Chabry J (2015). “Neurogenesis-independent antidepressant-like effects of enriched environment is dependent on adiponectin”. Psychoneuroendocrinology. 57: 72–83.
  52. Li A, Yau SY, Machado S, Yuan TF, So KF (2015). “Adult neurogenic and antidepressant effects of adiponectin: a potential replacement for exercise?”. CNS Neurol Disord Drug Targets. 14 (9): 1129–1144.
  53. Wędrychowicz, Andrzej (2014). “Peptides from adipose tissue in mental disorders”. World Journal of Psychiatry. 4 (4): 103–111.
  54. Cho JK, Kim S, Hong HR, Yoon JH, Kang H (2015). “Exercise Training Improves Whole Body Insulin Resistance via Adiponectin Receptor 1”. Int J Sports Med. 36 (13): e24–e30.
  55. Yau SY, Li A, Xu A, So KF (2015). “Fat cell-secreted adiponectin mediates physical exercise-induced hippocampal neurogenesis: an alternative anti-depressive treatment?”. Neural Regen Res. 10 (1): 7–9.
  56. https://journals.plos.org/plosone/article?id=10.1371/journal.pone.0199256
  57. Otvos L, Knappe D, Hoffmann R, Kovalszky I, Olah J, Hewitson TD, Stawikowska R, Stawikowski M, Cudic P, Lin F, Wade JD, Surmacz E, Lovas S (2014). “Development of second generation peptides modulating cellular adiponectin receptor responses”. Frontiers in Chemistry. 2: 93. Ù
  58. Sun Y, Zang Z, Zhong L, Wu M, Su Q, Gao X, Zan W, Lin D, Zhao Y, Zhang Z (2013). “Identification of adiponectin receptor agonist utilizing a fluorescence polarization based high throughput assay”. PLOS ONE. 8 (5): e63354.
  59. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21967160
  60. http://www.fao.org/3/a-as686o.pdf
  61. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3347755/
  62. https://www.researchgate.net/
  63. https://www.researchgate.net/
  64. http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21475137
  65. http://www.google.it/url
  66. https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0946672X19300641
  67. Gorman, Katherina, et al, “Adiponectin is necessary for exercise training-induced muscular hypertrophy and vascular adaptation.” The FASEB Journal, April 2016. Vol. 30 no. 1 Supplement 1240.23.
  68. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17309383

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...