SESAMOLO.png
Sesamolo

Sebbene non vi siano al momento studi sull’uomo in grado di dimostrare un potenziale d’effetto del Sesamolo sul miglioramento della composizione corporea, questa molecola sembra promettente in base a ciò che è emerso da uno studio svolto su animali da parte dei ricercatori della Northwest A&F University (Cina) e pubblicato sulla rivista Molecular Nutrition & Food Research nell’agosto 2017.(1)

Lo studio in questione è stato svolto usando topi C57BL/6J. Questi animali sono stati alimentati per 12 settimane con mangime ricco in grassi e Fruttosio [HFFD]. Ad alcuni di questi topi era stato somministrato Sesamolo disciolto nella loro acqua [HFFD + sesamol]. La dose utilizzata nell’esperimento, se comparata all’essere umano, sarebbe stata in media di 400-500mg di Sesamolo al giorno.

I topi del gruppo di controllo sono stati alimentati con cibo standard, senza componenti obesogenici. A questi topi non è stato somministrato Sesamolo [Control].

Il Sesamolo è presente nei semi di Sesamo, insieme a lignani come Sesamina, Episamina, Sesamolina e Sesaminolo [vedi figura seguente]. Il Sesamolo è un elemento costitutivo di questi lignani. Questa molecola è utilizzata anche come materia prima nell’industria chimica, per la sintesi di Paroxetina e insetticidi.

sesamin-episesamin-sesamolin-sesaminol-sesamol.gif

Sebbene l’effetto dimagrante del Sesamolo nell’uomo non sia stato ancora esaminato, alcune aziende di integratori alimentari hanno già iniziato a commercializzare supplementi per la perdita di peso contenenti questa molecola.

Senza divagare oltre, è possibile che in futuro il Sesamolo possa comparire anche in qualche “Testobooster”. Esistono alcuni studi in vitro nei quali il Sesamolo ha mostrato di poter aumentare la sintesi di Testosterone da parte delle cellule di Leydig attivando la proteina StAR.(2) Al tempo stesso, il Sesamolo sembra possedere un lieve effetto anti-estrogenico in altri tipi di cellule.(3)

Tornando allo studio qui trattato, la supplementazione con Sesamolo ha dimezzato l’aumento di peso dei topi sovralimentati, come mostrato nel seguente grafico.

ssto.png

I ricercatori hanno scoperto che il Sesamolo ha specificamente inibito l’aumento del tessuto adiposo. Ciò è conforme ai risultati ottenuti attraverso studi in vitro in cui il Sesamolo ha mostrato di bloccare l’assorbimento dei substrati energetici da parte delle cellule adipose e di sabotare lo sviluppo dei pre-adipociti.(4)

Il Sesamolo ha migliorato l’effetto dell’Insulina riducendo la resistenza ad essa. Se ai topi veniva somministrato glucosio, il Sesamolo causava un rapido calo della glicemia ematica. La somministrazione di Sesamolo ha normalizzato i livelli di Insulina e glucosio quando i topi erano a digiuno.

ssto3.png

ssto4.png

Il grafico in alto a sinistra mostra come funziona il Sesamolo a livello molecolare. Nei topi messi all’ingrasso, il Sesamolo ha mantenuto la produzione di PGC-1α. La PGC-1α è il regolatore principale della biogenesi mitocondriale. (5)(6)(7)

La figura sopra si riferisce a cellule adipose del grasso marrone, ma i ricercatori hanno osservato fenomeni simili anche nel fegato. Il Sesamolo probabilmente agisce a livello sistemici, almeno da quanto emerge da studi in vitro svolti su diversi tipi di cellule. (8)(9) Sembrerebbe che il Sesamolo sia un attivatore universale dell’AMPK.

Il Sesamolo, quindi, ha ridotto l’accumulo di grasso e la resistenza all’insulina indotte dalla dieta ricca di grassi e Fruttosio nei topi C57BL / 6J. In particolare, il Sesamolo ha in parte normalizzato le espressioni geniche del metabolismo lipidico dei mitocondri e l’accumulo di lipidi nel sangue e nei tessuti adiposi.

Pertanto, concludono i ricercatori, il Sesamolo potrebbe essere considerato un complemento nutrizionale alternativo in combinazione con strategie preventive e terapeutiche contro le complicanze associate all’obesità.

Dal canto mio, se la molecola in questione dovesse mai dimostrare un effetto significativo nell’uomo, il suo utilizzo da parte dei BodyBuilder in periodi di sovralimentazione potrebbe dare vantaggi significativi prolungando il periodo produttivo in regime ipercalorico.

Gabriel Bellizzi

Riferimenti:

  1. https://doi.org/10.1002/mnfr.201600717
  2. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21863802
  3. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21141889
  4. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26616060
  5. Valero T (2014). “Mitochondrial biogenesis: pharmacological approaches”. Curr. Pharm. Des. 20 (35): 5507–9. doi:10.2174/138161282035140911142118. hdl:10454/13341. PMID 24606795. Mitochondrial biogenesis is therefore defined as the process via which cells increase their individual mitochondrial mass [3]. … This work reviews different strategies to enhance mitochondrial bioenergetics in order to ameliorate the neurodegenerative process, with an emphasis on clinical trials reports that indicate their potential. Among them creatine, Coenzyme Q10 and mitochondrial targeted antioxidants/peptides are reported to have the most remarkable effects in clinical trials.
  6. Jump up to: a b Sanchis-Gomar F, García-Giménez JL, Gómez-Cabrera MC, Pallardó FV (2014). “Mitochondrial biogenesis in health and disease. Molecular and therapeutic approaches”. Curr. Pharm. Des. 20 (35): 5619–5633. doi:10.2174/1381612820666140306095106. PMID 24606801. Mitochondrial biogenesis (MB) is the essential mechanism by which cells control the number of mitochondria.
  7. Jump up to: a b Dorn GW, Vega RB, Kelly DP (2015). “Mitochondrial biogenesis and dynamics in the developing and diseased heart”. Genes Dev. 29 (19): 1981–91. doi:10.1101/gad.269894.115. PMC 4604339. PMID 26443844.
  8. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/30263528
  9. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26059394

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...