STANOZOLOLO ANTI-PROGESTINICO?

Stanozolol_svg
Stanozololo

Lo Stanozololo può anche essere usato come metodo efficace per contrastare la ginecomastia indotta da composti progestinici, in quanto possiede un azione anti-progestinica. Una dose efficace per tale effetto sembra essere di 50mg a giorni alterni (forma iniettabile) o 30-35mg/die (forma orale) anche se questa dose può richiedere un aumento a seconda delle dosi dei composti progestinici impiegati nel ciclo.

nand

Prima di proseguire c’è un punto importante da sottolineare. Sebbene generalmente le progestine non aromatizzano, esiste un’eccezione alla regola: il Nandrolone, oltre ad essere una progestina aromatizza, anche se in misura ridotta (20% del Testosterone). Anche se questo tasso di aromatizzazione non è quasi mai sufficiente a causare problemi estrogeno-dipendenti nella grande maggioranza dei soggetti, per le persone estremamente sensibili agli effetti estrogenici, anche un lieve rialzo del livello estrogenico unito all’attività progestinica può essere sufficiente a causare effetti collaterali estrogenici come la ginecomastia. Un numero ridotto di persone potrebbero subire questo effetto, ma ritengo che sia un punto da tenere a mente.

pict20

Lo Stanozololo stimola la produzione di Prostaglandine E2 (PGE2) e la matrice metalloproteinasi collagenasi e stromelisina nei fibroblasti della pelle umana ma non nei fibroblasti sinoviali reumatoidi. La base di queste risposte differenziali è stata studiata ai livelli della sintesi del DNA e del legame del recettore con lo steroide. Lo Stanozololo ha inibito il fattore di crescita dei fibroblasti (EGF) la sintesi del DNA stimolata sia nella pelle che nei fibroblasti sinoviali. Analisi di legame competitivo indicano che lo Stanozololo lega specificamente sia alla pelle che ai fibroblasti sinoviali. Il legame dello Stanozololo a entrambi i tipi di cellule potrebbe essere parzialmente deviato dal Progesterone, indicando che lo Stanozololo si lega al recettore del Progesterone.

Progesterone_svg
Progesterone

 

Gli studi immunocitochimici hanno confermato la presenza di recettori del Progesterone sui fibroblasti della pelle e sinoviali. Tuttavia, il Progesterone non ha suscitato alcuna risposta rispetto alla produzione di collagenasi in entrambi i tipi di cellule. Il Nortestosterone, il Dexametasone e il 17 beta-estradiolo non hanno avuto alcun effetto sul legame dello Stanozololo con entrambi i tipi di cellula. Questi risultati indicano che l’inibizione della sintesi del DNA da parte dello Stanozololo viene indotta attraverso il recettore del Progesterone. Gli effetti dello Stanozololo sulla collagenasi e sulla produzione di PGE2 sono mediati da un diverso recettore, presente sulla pelle ma non sui fibroblasti sinoviali, e ancora non identificato.

L’effetto sulla sintesi del DNA è stato misurato con l’assorbimento della Timidina. La minima assunzione di Timidina significa meno sintesi del DNA.

timidina
Timidina

 

Una inibizione significativa dell’assorbimento della Timidina è stata osservata in risposta allo Stanozololo in entrambi i tipi di cellule. Anche gli steroidi Nortestosterone, Oxymetholone e Progesterone sono stati testati per il loro effetto sull’assorbimento di Timidina per determinare se gli effetti dello Stanozololo sulla sintesi del DNA erano unici. Questi altri composti hanno anche inibito la sintesi del DNA in entrambi i tipi di cellule.

 

In altre parole, lo Stanozololo mostra lo stesso effetto del Progesterone sulla sintesi del DNA mediato dal recettore del Progesterone: entrambi lo bloccano. Quindi, piuttosto che agire come un anti-progestinico in questo frangente, lo Stanozololo, così come il Nortestosterone e l’Oxymetholone, agiscono nello stesso modo del Progesterone.

Cosa fare di tutto questo?

La teoria ci fa capire che lo Stanozololo può legarsi e competere a livello recettoriale con il Progesterone molto similmente all’azione dei SERM (vedi Tamoxifene e Raloxifene) che competono per il legame al recettore dell’estrogeno, inibendo così gli effetti progestinici. Ora, sappiamo benissimo che il Progesterone può aggravare gli effetti collaterali estrogenici amplificandone gli effetti.

Norethandrolone_structure
Norethandrolone

 

Come già detto, certi steroidi possono effettivamente stimolare e agire a livello del recettore del Progesterone compreso il Nandrolone e Norethandrolone. Questi ormoni sono anche alterati da esso inducendo una diminuzione della libido e un senso di letargia e simili, e anche se aromatizzano a tassi inferiori rispetto ad altri steroidi, mostrano una capacità uguale di causare effetti collaterali estrogeni, in particolare quando impilati con altri aromatizzabili composti.

Questi ormoni sono anche responsabili di un induzione di una diminuzione della libido e di un senso di letargia, e anche se aromatizzano a tassi inferiori rispetto ad altri AAS, mostrano una capacità uguale di causare effetti collaterali estrogenici, in particolare quando cosomministrati con altri composti aromatizzabili.

Danazol_svg
Danazolo

 

Ora ci sono prove che lo Stanozololo effettivamente si lega al recettore del Progesterone, e gli utilizzatori hanno riportato la mancanza degli effetti normalmente riscontrati in seguito alla stimolazione del recettore del Progesterone, che dimostra nella pratica queste proprietà anti-progestiniche. Ci sono anche alcuni dati clinici che mostrano lo Stanozololo supportare i sintomi seguenti alla soppressione del Progesterone. Molto similmente al modo in cui il Danazolo è stato utilizzato con successo.

L’unica cosa che non dobbiamo perdere di vista è tuttavia a quale tasso lo Stanozololo si lega al recettore del Progesterone. Non ci sono dati su questo. Tuttavia sappiamo che non può legarsi in modo abbastanza forte per competere con molecole come il Nandrolone o il Norethandrolone. Quindi non è saggio affermare che lo Stanozololo sia un anti-progestinico di per se, ma dalle prove sul campo sembra che ciò renda comunque l’uso di questa molecola un buon abbinamento in cicli che presentano composti progestinici.

Lo Stanozololo è una buona molecola da inserire in molti cicli, e la mia opinione sulle sue capacità di bloccare il recettore del progesterone in modo efficace non è sicura … ma basandosi sui dati raccolti sul campo, sembra che lo Stanozololo (a dosi adeguate) possa aiutare a prevenire gli effetti collaterali progestinici durante l’uso di composti progestinici.

Gabriel Bellizzi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...