Fentermina

Phentermine_Structural_Formula_V1_svg
Fentermina

La Fentermina [2-methyl-1- phenylpropan-2-amine (2-methyl-amphetamine)],(fenil-terziario-butilammina), nota anche come α,α-dimethylphenethylamine, commercializzata come Fentermina cloridrato, è uno stimolante simpaticomimetico della famiglia delle anfetamine. Come altri derivati delle amfetamine, viene classificato come agente anoressizzante (soppressore dell’appetito). La Fentermina è comunemente prescritta come coadiuvante per la perdita di peso in pazienti obesi purché in associazione con esercizio fisico e una dieta dimagrante. Viene di solito utilizzata per brevi periodi di tempo (meno di 12 settimane). L’obiettivo principale del farmaco è quello di ridurre il desiderio di mangiare, riducendo così l’assunzione calorica totale. Anche se i dati sembrano variare da uno studio all’altro, gran parte di essi supportano almeno una modesta perdita aggiuntiva di massa grassa con l’uso di Fentermina cloridrato. (1) Gli atleti usano la Fentermina cloridrato per lo stesso scopo, in genere durante i periodi di forte restrizione calorica.

phentermine-image

Nel 1959, la Fentermina base ricevette l’approvazione da parte della FDA degli Stati Uniti come farmaco anti-appetito. (2) Alla fine divenne disponibile in forma di sale cloridrato e in forma di resina. (2) La Fentermina cloridrato è stata introdotto per la prima volta nel mercato degli Stati Uniti negli anni ’70. La Fentermina era da tempo utilizzata come soppressore dell’appetito, anche se godette di maggiore attenzione nei primi anni ’90, quando il farmaco è stato associato con successo alla Fenfluramina durante studi dietetici. I ricercatori hanno dimostrato che questo tipo di combinazione di farmaci era effettivamente più efficace nel promuovere la perdita di peso rispetto alla sola dieta ed esercizio fisico,  risultati che hanno portato rapidamente il Fen-Phen ad essere di primo piano nel mercato dei farmaci da prescrizione per la perdita di peso. Nel 1997, tuttavia, emerse che una percentuale molto elevata di utilizzatori di Fen-Phen aveva riportato difetti alla valvola cardiaca a causa dei farmaci. La Fenfluramina è stata identificata come causa principale di tale evento, e venne ritirata dal mercato USA nello stesso anno. La Fentermina oggi rimane disponibile negli Stati Uniti e in molte altre nazioni. I nomi commerciali più popolari sotto i quali viene venduta la Fentermina cloridrato includono Adipex, Ionamin, Anoxine, Phentrol e Obenix. Si noti che come derivato delle anfetamine, questo farmaco ha la tendenza a portare ad assuefazione e dipendenza. Per questo motivo è stato aggiunto alla lista IV delle sostanze controllate negli Stati Uniti.

La Fentermina ha qualche somiglianza nella sua farmacodinamica con il suo composto madre, l’anfetamina, in quanto entrambe agonisti TAAR1 (3), dove l’attivazione di questi nei neuroni monoammina facilita l’efflusso o il  rilascio nella sinapsi di questi neurochimici; A dosi clinicamente rilevanti, la Fentermina agisce principalmente come agente di rilascio della norepinefrina nei neuroni, anche se, in misura minore, rilascia anche la dopamina e la serotonina nelle sinapsi. (4)(5) La Fentermina può anche innescare il rilascio di monoammine dal VMAT2, che è un effetto farmacodinamico comune tra i sostituti delle anfetamine. Il meccanismo d’azione principale della Fentermina nel trattamento dell’obesità è la riduzione della percezione della fame, che è un processo cognitivo mediato principalmente attraverso diversi nuclei all’interno dell’ipotalamo (in particolare il nucleo ipotalamico laterale, il nucleo arcuato e il nucleo ventromediale). Al di fuori del cervello, la Fentermina rilascia norepinefrina e epinefrina – note anche come noradrenalina e adrenalina – causando il rilascio di acidi grassi da parte delle cellule adipose.

Per un’efficacia ottimale, la Fentermina cloridrato non deve essere assunta con il cibo. La dose per i soggetti adulti è una capsula o compressa (37,5 mg) al giorno, somministrata prima o dopo 1-2 ore dalla prima colazione. Per alcuni pazienti mezza compressa (18,75 mg) al giorno può essere sufficiente, mentre in altri casi può essere consigliabile la somministrazione di mezza compressa (18,75 mg) due volte al giorno. Se assunta più di una volta al giorno, la seconda dose non deve mai essere somministrata nelle 4-6 ore precedenti all’andare a dormire. Il farmaco viene utilizzato tipicamente per 3-4 settimane alla volta, con terapia raramente superiori alle 12 settimane. Gli atleti usano tipicamente la quantità da prescrizione e a breve termine, a causa della elevata probabilità di effetti collaterali, poiché la possibilità che ciò si verifichi è elevata oltre i normali tempi terapeutici.

La Fentermina cloridrato è disponibile in diversi Paesi. Non è ampiamente contraffatta. In Italia non è in commercio pertanto è vietata l’importazione anche per uso personale.

Gabriel Bellizzi

Riferimenti:

1- Phentermine Drug Information. MedlinePlus. 

2-  Ryan, Donna A.; Bray, George A. (2014). “Sibutramine, Phentermine, and Diethylproprion: Sympathomimetic Drugs in the Management of Obesity”. In Bray, George A.; Bouchard, Claude. Handbook of Obesity – Volume 2 Clinical Applications, Fourth Edition. (4th ed.). Hoboken: Taylor and Francis. p. 234. ISBN 9781841849829.

3- Barak LS, Salahpour A, Zhang X, Masri B, Sotnikova TD, Ramsey AJ, Violin JD, Lefkowitz RJ, Caron MG, Gainetdinov RR (September 2008). “Pharmacological characterization of membrane-expressed human trace amine-associated receptor 1 (TAAR1) by a bioluminescence resonance energy transfer cAMP biosensor”. Mol. Pharmacol. 74 (3): 585–94. doi:10.1124/mol.108.048884. PMC 3766527Freely accessible. PMID 18524885. we confirmed agonistic activity at human TAAR1 of several other compounds, including the trace amines octopamine and tryptamine, the amphetamine derivatives l-amphetamine, d-methamphetamine, (+)-MDMA, and phentermine, and the catecholamine metabolites 3-MT and 4-MT (Bunzow et al., 2001; Lindemann and Hoener, 2005; Reese et al., 2007; Wainscott et al., 2007; Wolinsky et al., 2007; Xie and Miller, 2007; Xie et al., 2007).

4- Haslam D (February 2016). “Weight management in obesity – past and present”. International Journal of Clinical Practice. 70 (3): 206–217. doi:10.1111/ijcp.12771. ISSN 1368-5031. PMC 4832440Freely accessible. PMID 26811245.

5- Rothman RB, Baumann MH, Dersch CM, et al. (January 2001). “Amphetamine-type central nervous system stimulants release norepinephrine more potently than they dopamine and serotonin”. Synapse. 39 (1): 32–41. doi:10.1002/1098-2396(20010101)39:1<32::AID-SYN5>3.0.CO;2-3. PMID 11071707.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...