Piceatannolo e stimolo del EPO

Piceatannol
Piceatannolo

 

Gli atleti di resistenza che sono alla ricerca di un nuovo integratore che migliori la prestazione potrebbero prendere in considerazione l’uso del Piceatannolo. L’idea nasce dai risultati di uno studio in vitro svolto dagli scienziati molecolari dell’Università Nazionale di Pusan ( Corea) e pubblicato sullo European Journal of Pharmacology. Lo studio suggerisce che l’integrazione di Piceatannolo può aumentare la produzione di EPO.(1)

hif1alpha
HIF-1-alpha

 

Lo studio in questione non ha nulla a che fare con lo sport, ma ha a che fare con tutto ciò che riguarda i problemi intestinali come la malattia di Crohn e la colite ulcerosa, in cui gli intestini sono cronicamente infiammati. Gli studi sugli animali hanno dimostrato che l’aumento dell’attività del fattore di trascrizione della Sottounità Alfa Del Fattore Inducibile Dall’Ipossia 1[HIF-1-alpha] riduce l’infiammazione associata alla colite. L’azione del HIF-1-alpha salvaguardia le cellule contro la carenza di ossigeno e, di consenguenza, aumenta le loro possibilità di sopravvivenza.

Se si è a conoscenza che il gruppo di composti a cui il Piceatannolo appartiene aumenta l’attività di HIF-1-alfa, allora si capisce il perché i ricercatori coreani si sono chiesti se il Piceatannolo può essere usato per stimolare l’HIF-1-alfa. Se così fosse, il Piceatannolo potrebbe essere una sostanza utilizzabile per alleviare la colite.

1200px-Resveratrol_svg
Resveratrolo

 

Il Piceatannolo è un analogo del Resveratrolo. Come il Resveratrolo si trova naturalmente nelle more, nelle mandorle, nel frutto della passione, nel rabarbaro e nella camomilla ecc.

I fornitori di integratori hanno avuto il Piceatannolo nei loro cataloghi per un certo numero di anni, quindi probabilmente non ci vorrà molto tempo prima che i supplementi contenenti importanti dosi di Piceatannolo appaiano sul mercato.
Gli atleti di resistenza più informati avranno maggiore familiarità con l’HIF-1-alfa. L’HIF-1-alfa stimola una maggiore sintesi di EPO e VEGF.

Il cloruro di cobalto è un farmaco efficace per la resistenza in quanto induce l’attività dei radicali libera nel corpo, aumentando così la concentrazione di HIF-1-alfa e, di conseguenza, aumentando la sintesi di EPO.(2)

La Salidroside, un composto trovato nella Rhodiola rosea, fa lo stesso – ma in un modo che probabilmente ha meno rischi per la salute associati.

hif1alphapathway

I ricercatori hanno aggiunto il Piceatannolo [PCT] alle cellule intestinali HCT116 in provetta e hanno osservato che il composto ha agito come si aspettavano. Il Piceatannolo ha aumentato la sintesi di HIF-1-alfa e VEGF.

piceatannolhif1alpha1

I ricercatori hanno scoperto che il Piceatannolo sabota l’enzima HIF-prolyl-4-idrossilasi. Questi enzimi spezzano i gruppi di prolasi dalle molecole di HIF-1 alfa in una posizione critica, dopo di che i meccanismi cellulari spezzano il fattore di trascrizione aminoacidi.

Il Resveratrolo non ha avuto alcun effetto sul HIF-1-alfa. I ricercatori hanno scoperto che Il gruppo del catecol del Piceatannolo è necessario per inibire ‘HIF-prolyl-4-idrossilasi. Il Resveratrolo, che ha un gruppo resorcinolo, non ha avuto alcun effetto sull’enzima.

Le potenziali proprietà di stimolo dell’EPO del Piceatannolo non sono uniche. I ricercatori che hanno svolto il presente studio hanno pubblicato i risultati di uno studio in vitro nel 2007, nel quale il flavonoide quercetina aveva esplicato esattamente lo stesso effetto sulle cellule intestinali.(3)

catecholresorcinol

Gli enzimi attaccano i gruppi di zucchero al Piceatannolo nel corpo, in modo che i reni possano espellere il composto. Gli studi sugli animali mostrano che il processo è rapido. (4) Certamente se i gruppi di zucchero si attaccano al gruppo catecol, ci si potrebbero chiedere se il composto non diventi inattivo.

piceatannol.gif
Piceatannol-3′-O-beta-D-glucopyranoside

 

Ci sono tuttavia studi che sembrano suggerire che il Piceatannolo metabolizzato rimanga in una certa misura attivo. Uno di questi è uno studio in vitro del 2010.(5) In questo studio un analogo zuccherato del Piceatannolo, il Piceatannol-3′-O-beta-D-glucopyranoside, ha stimolato la produzione di NO nelle cellule renali .

L’immagine riportata suggerisce che probabilmente possa aumentare anche la sintesi di EPO.

 

 

Gabriel Bellizzi

Riferimenti:

1- http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23261967
2- http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/16244201
3- http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17377063
4- http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17132206
5- http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20543547

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...