Il più grande studio sugli effetti collaterali cardiovascolari degli AAS

Un piccolo numero di studi su esseri umani, e un gran numero di studi su animali hanno già dimostrato che gli AAS (a dosi dopanti) non hanno un impatto positivo su cuore e vasi sanguigni. I cardiologi americani hanno pubblicato il più grande studio su essere umani finora realizzato sull’effetto degli AAS sul sistema cardiovascolare e ancora una volta i risultati non sono rassicuranti. (1)

I ricercatori hanno esaminato il cuore e i vasi sanguigni di 86 utilizzatori di AAS di sesso maschile che avevano utilizzato sostanze illegali per un periodo di sette anni. Tutti gli uomini erano soggetti allenati. I ricercatori hanno confrontato questo gruppo di utilizzatori con un gruppo di 54 non-utilizzatori, anch’essi allenati.

Le sostanze anabolizzanti come gli AAS e l’Ormone della Crescita (GH) possono causare una crescita anomala del muscolo cardiaco, in particolare in combinazione con un alta pressione sanguigna. Le pareti del muscolo cardiaco possono diventare troppo spesse e rigide, e per questo motivo il cuore non è più in grado di pompare una quantità necessaria di sangue nel corpo.

Una delle misure che i cardiologi usano per esprimere la capacità del cuore di pompare sangue ricco di ossigeno in tutto il corpo è la frazione di eiezione ventricolare sinistra sistolica.

La figura seguente mostra che in quasi tutti i non utilizzatori la frazione di eiezione ventricolare sinistra sistolica era normale, ma questo non era il caso per un certo numero di utilizzatori di composti anabolizzanti, in particolare quelli che stavano usando farmaci durante lo studio. La condizione degli utilizzatori fuori ciclo era meno allarmante, il che suggerisce che nel periodo in cui gli utilizzatori non assumono farmaci il cuore si riprende in una certa misura.

AAS1

La figura seguente è più allarmante. Mostra la quantità di placche nei vasi sanguinei che ricevono il sangue ossigenato dal cuore. Più placche, più i vasi sanguinei sono intasati – e maggiore è la possibilità di un attacco di cuore. Gli utilizzatori di sostanze anabolizzanti hanno mostrato una situazione notevolmente peggiore rispetto ai non utilizzatori.

AAS2

AAS3

La quantità di placche che si erano accumulate nei vasi sanguigni degli utilizzatori aumentano in rapporto al tempo nel quale erano stati utilizzati farmaci anabolizzanti. Alcuni cambiamenti sono stati visibili nei primi 6-7 anni di utilizzo, dopo che la probabilità di deposito delle placche aumenta ad ogni anno di utilizzo.

I ricercatori concludono dicendo che i loro risultati suggeriscono che l’uso di AAS è associato a disfunzione ventricolare sinistra e malattie coronariche premature. I ricercatori continuano dicendo che questi risultati possono informare le iniziative sulla salute pubblica per limitare l’esposizione ai farmaci e fornire ai medici informazioni che si tradurranno in una migliore assistenza ai pazienti .

Gabriel Bellizzi

Riferimenti:

  1. http://dx.doi.org/10.1161/CIRCULATIONAHA.116.026945

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...