“PTOR” E MODIFICA DEL RAPPORTO ANABOLICO/CATABOLICO

ptor

Se un atleta aumenta l’aspetto anabolico dell’equazione anabolico/catabolico più del catabolismo, sperimenta crescita muscolare a causa della sintesi proteica. Se un atleta diminuisce l’aspetto catabolico dell’equazione mantenendo invariato l’anabolismo, aumenta la massa muscolare a causa della salvaguardia delle proteine. Che un atleta sia un vero natural o un soggetto aiutato dai farmaci, il progresso continuo nella crescita muscolare dipende dagli incrementi della massa composta dalle proteine.

Le modifiche favorevoli nel rapporto anabolico/catabolico sono gli unici mezzi per raggiungere questo obiettivo. Quante volte avete letto che un atleta può guadagnare solo 230-680 g di tessuto magro al mese? Quante persone ci sono che credono che i Body Builder si iniettino o ingoino gli steroidi anabolizzanti/androgeni e magicamente diventano enormi? Dal momento che i Body Builder dediti sanno che niente di tutto questo è vero, parliamo di cosa è possibile.
Una persona nella media ha un ricambio proteico (PTOR, Protein Turn Over Rate) giornaliero pari al peso corporeo espresso in libbre (1 kg = 2,2 libbre) moltiplicato per 1,818 espresso in grammi. Quindi un Body Builder di 90 kg (200 libbre) guadagna e perde 373,6 g di tessuto proteico (come il muscolo) al giorno senza nemmeno allenarsi (200 x 1,818 = 373,6 g). Ciò è stato documentato da molti studi affidabili e non uno di questi è di una ditta di integratori. Alcuni scienziati credono che in realtà il “PTOR” sia più alto. Questo significa che se un atleta di 90Kg aumenta il fattore anabolico dell’equazione, o diminuisce il fattore catabolico, del 100%, il risultato sarà un incremento giornaliero del tessuto proteico di 373,6 g. Cioè più di 9 kg al mese. Un potenziale di crescita incredibilmente imponente. Cos’è allora che impedisce a un atleta di arrivare a pesare più di 158 kg in un anno? La risposta è: fattori di azione/reazione come i cicli negativi di feedback e l’adattamento allo stimolo. La buona notizia è che un atleta può arrivare vicino a queste cifre se tutti i fattori di azione/reazione sono anticipati e assecondati correttamente.
Quelli che hanno una cultura sull’argomento abbastanza ampia, sanno già che è possibile e che è stato fatto molte volte. Quelli che non hanno molta conoscenza, per cominciare a sopperire a ciò dovrebbero leggere i libri di A.L.Rea, tanto per cominciare. I vostri dubbi si dissolveranno velocemente. Non è necessaria l’assunzione di megadosi di AAS per tutto l’anno. Perché? La ragione è semplicemente questa: la maggior parte degli atleti lavora contro il proprio corpo quando dovrebbe lavorare con esso.

Gabriel Bellizzi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...